Arrestato «El topo» figlio di «El Chapo»

Violenti scontri in Messico nello stato di Sinaloa:  Il Messico schiera i tank, 29 morti negli scontri per il figlio di El Chapo. Dieci soldati e 19 sospetti criminali sono stati uccisi nell’operazione per arrestare Ovidio Guzman

6 gennaio 2023 – Città del Messico – Tre membri delle forze di sicurezza sono morti nelle violenze scoppiate nello stato di Sinaloa, in Messico, dopo l’arresto di uno dei figli del famigerato boss della droga messicano «El Chapo». In totale le vittime sarebbero 29. Ovidio Guzmán-López – lui stesso presunto leader di una parte dell’ex cartello di suo padre – è stato catturato a Culiacán e trasferito a Città del Messico. Membri della potente organizzazione criminale hanno istituito posti di blocco, dato fuoco ai veicoli e persino attaccato un aeroporto locale.

Due aerei sono stati colpiti da colpi di arma da fuoco, uno mentre si preparava al decollo. Più di 100 voli sono stati cancellati in tre aeroporti di Sinaloa. Il governatore dello stato ha detto che 18 persone sono state ricoverate in ospedale. Guzmán-López – soprannominato «Il topo» – è accusato di guidare una fazione del famigerato cartello di Sinaloa di suo padre, ha detto il ministro della Difesa Luis Cresencio Sandoval.

È una delle più grandi organizzazioni di narcotraffico del mondo. Suo padre, Joaquín «El Chapo» Guzmán, sta scontando l’ergastolo negli Stati Uniti dopo essere stato riconosciuto colpevole nel 2019 di traffico di droga e riciclaggio di denaro. Il suo processo ha rivelato alcuni dei più violenti dettagli dell’operato dei cartelli della droga messicani.

Vedi Anche

Alves trasferito in un carcere dotato di stanze Vip

Arrestato venerdì 20 gennaio avrebbe raccontato diverse versioni dei fatti. Dani Alves è accusato di …