Cinque mesi senza Kataleya. Un incubo senza fine

La piccola di 5 anni scomparsa da Firenze il 10 giugno sembra svanita nel nulla

Firenze, 10 novembre 2023 – Sono 5 mesi esatti  che la piccola kataleya è scomparsa nel nulla. Di lei non sa sa più niente. Rapita per un riscatto? Uccisa per vendetta? Vittima di pedofilia? Sbaglio di persona? tante domande rimaste ancora senza risposta. Le indagini ancora non hanno fatto luce su questa tristissima storia che ha come vittima una bimba di soli 5 anni.

Vittima di una storia di profondo degrado nata all’interno dell’ex hotel Astor di Firenze occupato da gente disperata che cercava un tetto: peruviani, ecuadoriani e anche rumeni. Una cosa è certa: che alcuni di questi disperati che vivevano in quell’albergo occupato hanno approfittato di chi era più debole dando vita al racket degli affitti. Alcuni, pochi, costringevano gli altri a pagare somme esagerate per vivere in quelle stanze.

Ed è verosimile, anche se non ci sono prove, che la bimba sia rimasta vittima di questo racket e per questo sia stata rapita o forse uccisa.  La pista che portava in Perù pare abbia dato esito negativo per ora. Interrogati familiari e conoscenti della famiglia di Kata non sarebbe emerso nulla di nuovo.

La lattera al Papa

Per ora la speranza resta appesa alla lettera scritta a Papa Francesco su volere di Katherine Alvarez e Miguel Chicclo Romero, mamma e papà di Kata. Due genitori disperati che, probabilmente, potrebbero aver commesso degli errori e se così fosse li stanno pagando a carissimo prezzo, che vivono nella disperazione più assoluta

Una lettera per “abbattere il muro di omertà che ci avvolge” e “riabbracciare la nostra Kataleya”. L’appello parte dei legali dei genitori di Kata, gli avvocati Sharon Matteoni e Filippo Zanasi che, per conto di Katherine Alvarez e Miguel Chicclo Romero, hanno scritto al Santo Padre. Quella di Matteoni e Zanasi è “un’accorata richiesta di preghiera e di forza per continuare a resistere nella ricerca della piccola Kata”.

“Aiutateci a ritrovare Kataleya . Con la speranza che Sua Santità possa trasmettere la forza per continuare a cercare la piccola e far comprendere alla mamma che non è sola”.  

Attiva le newsletter per rimanere sempre aggiornato.

Vedi Anche

Coppa America: Venezuela-Ecuador 2-1 e Messico-Giamaica 1-0

Venezuela e Messico partono bene in Coppa America, Ecuador e Giamaica ko Usa, 23 giugno …

×