Ricerca e innovazione: la sfida della Neurochirurgia robotica in Humanitas

Rozzano, 22 settembre 2022 – Le sale operatorie sono sempre più dotate di robot di ultima generazione: sistemi intelligenti che affiancano i chirurghi per potenziarne al massimo le capacità, con significativi vantaggi per il paziente in termini di sicurezza ed efficacia dell’intervento. È in quest’ottica che Humanitas ha avviato un programma clinico e di ricerca innovativo in collaborazione con il Politecnico di Milano: “L’applicazione della robotica in Neurochirurgia spinale e cerebrale, la sfida più attuale di questa disciplina, in un Centro ad alta specializzazione che si avvale anche della simulazione in Laboratorio. Un’esperienza significativa nel panorama italiano e lombardo per la sua dimensione e per le sue future possibilità di sviluppo che vogliamo condividere anche con altri centri di neurochirurgia”, spiega il prof. Maurizio Fornari, responsabile di Neurochirurgia Cranica e Spinale dell’Istituto Clinico Humanitas.

Nella chirurgia spinale, l’approccio con robot, che si sta sempre più consolidando, consente di raggiungere un livello di precisione e accuratezza superiore a quello già molto elevato della chirurgia computer e Tac assistita.  “I sistemi di pianificazione e posizionamento degli impianti vertebrali – conferma il dott. Alessandro Ortolina, neurochirurgo di Humanitas – favoriscono mininvasività, un’alta precisione dell’esito chirurgico e una maggiore personalizzazione degli impianti che vengono adattati alla fisionomia della singola vertebra di ogni paziente. Il tutto si traduce in un decorso operatorio più rapido”. L’avanguardia nel settore è l’applicazione della robotica anche alla chirurgia cranica.

Il Centro di Neurochirurgia robotica di Humanitas è in prima linea per fare ricerca e innovazione. “Nel futuro della chirurgia cerebrale – conclude il prof. Federico Pessina, responsabile di Neurochirurgia Cranica dell’Istituto Clinico Humanitas e docente di Humanitas University -, ci saranno robot in grado di trasmettere il movimento della mano a microstrumenti capaci di manovre ultra-precise e raffinate, con un livello di accuratezza simile a quello dei robot già utilizzati per chirurgia generale, toracica, urologica e cardiologica”. Il prof. Pessina è capofila di ricerche che coinvolgono anche il Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria del Politecnico di Milano per la robotizzazione degli strumenti utilizzati nella routine di sala operatoria, come microscopi ed esoscopi.

Vedi Anche

Perù, stato di emergenza per fuoriuscita pertolio in Amazzonia

Nella zona vivono 2500 indigeni Lima , 26 settembre 2022  – Il Perù ha dichiarato …