Guillermo Lasso
Guillermo Lasso Presidente dell'Ecuador

Ecuador, Lasso rischia impeachment

Ecuador come Perù cresce la tensione politica

QUITO, 6 marzo 2023 – La decisione del Parlamento dell’Ecuador di considerare ammissibile una procedura di impeachment del presidente Guillermo Lasso sta generando prospettive di tensione politica e sociale, alla luce anche della decisione della potente Confederazione delle nazionalità indigene dell’Ecuador (Conaie) di rompere il dialogo con il governo su possibili riforme per migliorare la qualità della vita della popolazione.

Sabato infatti, dopo un intenso dibattito durato sette ore una mozione presentata da una Commissione parlamentare in cui si prospetta l’opportunità di avviare una procedura di impeachment nei confronti del capo dello stato, è stata approvata a forte maggioranza con 104 sì, 18 no e tre astensioni.

Per proporre questa mozione la Commissione aveva esaminato i documenti della Procura ecuadoriana riguardanti un processo per atti di corruzione denominato ‘Encuentrò, o ‘Gran Padrinò, e che riguarda persone vicine o parenti di Lasso. Perché la procedura di impeachment avanzi, però, c’è bisogno che un gruppo parlamentare, o almeno 43 membri dell’organo legislativo, presentino una istanza di discussione del tema, previa approvazione della Corte costituzionale.

Il problema principale del capo dello stato è che non conta in Parlamento di un partito proprio forte, e che negli ultimi tempi anche il conservatore Partito social cristiano (Psc) ha preso le distanze dal governo, appoggiando la mozione di impeachment. Un mese fa Lasso ha subito una cocente sconfitta nelle elezioni amministrative, vinte dalla sinistra dell’ex presidente Rafael Correa, e nella bocciatura di vari referendum su temi di governabilità.

Ora i militanti della Conaie sono scesi in piazza l’8 marzo, mentre anche i sindacati hanno annunciato imminenti mobilitazioni. In attesa degli sviluppi, il capo dello Stato ha incassato un sostegno da parte dell’Organizzazione degli stati americani (Osa) che ha auspicato ieri «l’importanza assoluta del rispetto della istituzionalità democratica».

Attiva le newsletter per rimanere sempre aggiornato.

Vedi Anche

Elezioni in Venezuela: Machado non desiste “ce la faremo”

E ottiene il sostegno di Guaidó: “Aiutiamola nelle strade” Venezuela, 19 aprle 2024 – La …

×