Diritti umani: Blinken critica Cuba, Venezuela e Nicaragua

L’intervento del Segretario di Stato Usa all’assemblea Osa a Lima

Lima, 7 ottobre 2022- Intervenendo ai lavori della 52^ assemblea generale dell’Organizzazione degli Stati americani (Osa), il segretario di Stato americano, Antony Blinken, ha rivolto un appello alle delegazioni dei 34 Paesi membri ad «impegnarsi nuovamente a rispettare i principi fondamentali delle Carte democratiche interamericana e della stessa Osa». Il capo della diplomazia statunitense ha formulato severe critiche per Nicaragua, Cuba e Venezuela.

In Nicaragua «il regime di Ortega-Murillo sta spudoratamente violando praticamente ogni principio dell’Osa e delle Carte democratiche, incarcerando arbitrariamente i suoi avversari politici, reprimendo brutalmente i manifestanti, commettendo flagranti frodi elettorali, attaccando e imprigionando giornalisti e difensori dei diritti umani».

Il regime cubano, ha proseguito, «continua a tenere in prigione centinaia di persone ingiustamente detenute nelle proteste dell’11 luglio 2021 per il presunto crimine di scendere in piazza per chiedere pacificamente al loro governo di soddisfare i bisogni primari e per sollecitare il rispetto dei diritti umani».

In Venezuela «il regime di Maduro ha ripetutamente negato al popolo venezuelano il diritto di scegliere i propri leader, ha causato una catastrofe umanitaria che ha costretto ad abbandonare il Paese oltre 6 milioni di rifugiati e migranti venezuelani verso i quali i vicini del Venezuela hanno mostrato una straordinaria generosità». «Tutti gli Stati membri dell’Osa – ha concluso – dovrebbero essere in grado di unirsi per sostenere una soluzione negoziata che porti a elezioni libere ed eque in Venezuela nel 2024».

Attiva le newsletter per rimanere sempre aggiornato.

Vedi Anche

L’Argentina piega la Colombia ai tempi supplementari e si aggiudica la Copa America

L’uruguay arriva terzo battendo ai calci di rigore il Canada Miami, 15 luglio 2024 – …

×