Daniela Soto-Innes vince il World’s Best Female Chef Award

Quando Cosme è entrato per la prima volta nella lista dei 50 migliori ristoranti del mondo nel 2017, Daniela Soto-Innes era meglio conosciuta come una protégée di Enrique Olvera, lo chef con cui ha aperto il moderno ristorante messicano a New York nel 2014. Nel 2016, a 25 anni, aveva vinto il Rising Star Award della prestigiosa James Beard Foundation. A tre anni di distanza, è stata selezionata nella categoria Best Chef della stessa fondazione insieme ad artisti del calibro di Alex Stupak, che dice “ha aperto le porte a questo tipo di cibo messicano a New York”.  A soli 28 anni, è la più giovane vincitrice del World’s Best Female Chef Award ed è giusto dire che la sua stella è cresciuta. Ma Soto-Innes non è eccessivamente motivata dai premi. La ventottenne, cresciuta a Houston, in Texas, dice che Cosme è più una “istituzione culturale” che un ristorante e mantenere un felice team di collaboratori provenienti da ogni angolo del mondo è fondamentale per fornirle una cucina messicana che sia sempre all’avanguardia. Piuttosto che seguire un’idea di cosa dovrebbe essere una buona cucina o come dovrebbe funzionare una cucina, Soto-Innes segue le sue stesse regole: nella sua cucina, il personale non ha necessariamente una formazione formale, ma impara tutte le competenze di cui ha bisogno sotto la sua attenta lezione; non c’è nessuna regola del silenzio – la sua è una cucina vibrante, dove la musica suona e il personale si riscalda con esercizi pre servizio – e il menù stesso è un menù à la carte, con piatti condivisi che mettono l’accento sul gusto.

L’evoluzione della cucina messicana

Dopo quattro anni al Cosme, Soto-Innes torna a separare i suoi piatti, evolvendo la sua cucina con concetti più semplici e sapori più puliti. È sempre stato il contrario di Tex Mex, ma la sua non è semplicemente una cucina messicana moderna negli Stati Uniti, bensì è qualcosa di unico o, per usare le sue stesse parole, “un altro stato del Messico”. Sul piatto, questo si traduce per esempio nelle infladitas di granchio, un “bellissimo errore” che si verifica quando una tortilla si gonfia quando si frigge.

Mentre Soto-Innes gestisce ancora la cucina del Cosme, nel 2017 lei e Olvera hanno aperto Atla, un locale informale che serve eleganti classici messicani come uova ranchero e quesadillas nel quartiere NoHo di New York. Nel corso dell’anno, il duo farà la prima incursione sulla West Coast, aprendo i ristoranti adiacenti Damian (che serve messicano di ispirazione giapponese) e Ditroit (una taquería) a Los Angeles. Come Cosme e Atla, entrambi i nuovi ristoranti avranno probabilmente i decori minimalisti di Alonso de Garay e i sapori puliti tipici della partnership Soto-Innes-Olvera, ma ognuno con la propria identità di Los Angeles.

Cosme’s Crab Infladitas (image Kelt T)

 

Donna, giovane e di talento: un’ispirazione!

Soto-Innes è nota per il suo atteggiamento divertente e amante del divertimento, ma dietro l’aspetto di una party-girl c’è uno chef serio e diretto, che parla con acume d’affari e affascina per il suo talento. È forse questo mix che le ha permesso di cambiare il modo di lavorare nei suoi ristoranti, dando opportunità ai cuochi immigrati che vanno dai 20 ai 65 anni, i quali – dice – altrimenti probabilmente guiderebbero taxi e lavorerebbero in lavanderie a gettoni. Lei si impegna nel rafforzare il suo staff e nel trattare ogni personalità in modo diverso, e sostiene che la sua relativa giovinezza è qualcosa da abbracciare piuttosto che provare vergogna. In un’industria dominata dagli uomini, gestisce anche una cucina composta per due terzi da donne. Vincendo il World’s Best Female Chef Award, Soto-Innes dice che spera di usare la piattaforma per ispirare e sostenere le persone di tutte le età, razze e nazionalità nel diventare cuochi. Con il suo approccio fresco e inclusivo e il suo successo apparentemente senza sforzo, è sicura di ispirare molti.

Fonte: www.theworlds50best.com

 

 

Vedi Anche

green pass lavoratori 15 ottobre

Dal 15 ottobre obbligo green pass per qualsiasi lavoratore

Dalla pubblica amministrazione alle aziende private, dai liberi professionisti alle partite iva, il nuovo decreto …

Questo sito web utilizza i cookie. Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi