Bolivia, scontri sul posticipo del voto a ottobre. L’Onu invita leader politici a mantenere la pace

12 Agosto – Il Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres «segue con preoccupazione i recenti avvenimenti in Bolivia» e chiede «moderazione per evitare un’escalation di violenza e invita tutti i leader comunitari e politici a contribuire al mantenimento della pace». Lo ha dichiarato in una nota il portavoce del segretario Onu, Stephane Dujarric. Da giorni in Bolivia vengono portati avanti blocchi stradali per protestare contro la decisione del Tribunale supremo elettorale di posticipare la data delle elezioni generali dal 6 settembre al 18 ottobre. Il segretario generale Onu «accoglie con favore la disponibilità dell’Esecutivo, dell’Assemblea Legislativa Plurinazionale e del Tribunale Supremo Elettorale, nonché dei partiti politici e delle organizzazioni sociali, ad avviare un dialogo per risolvere le sfide politiche, sociali, economiche e sanitarie che la Bolivia deve affrontare», continua la nota. Guterres «chiede agli organizzatori delle proteste di garantire il passaggio di ambulanze, ossigeno e medicinali in condizioni di sicurezza e consentire la consegna di beni e servizi essenziali per la popolazione», ha riferito il portavoce Dujarric. Il segretario Onu «ribadisce il sostegno delle Nazioni Unite allo svolgimento di elezioni trasparenti, credibili e inclusive e al pieno rispetto dei diritti civili e politici di tutti i boliviani».

Vedi Anche

green pass lavoratori 15 ottobre

Dal 15 ottobre obbligo green pass per qualsiasi lavoratore

Dalla pubblica amministrazione alle aziende private, dai liberi professionisti alle partite iva, il nuovo decreto …