Mondiali 2022: il Qatar paga i mondiali a tifosi-influencer stranieri

La notizia è del NYT ed è stata ripresa da un’agenzia Dire. Anche il calcio vola con i nuovi comunicatori
Roma, 3 novembre 2022 . – “Il Qatar – spiega il New York Times – non ha alcuna tradizione nell’ospitare grandi eventi sportivi e molto poca in termini di cultura nazionale dei tifosi, ed era alle prese con un compito complesso: come creare un’esperienza che fosse autentica per i tifosi in visita, ma anche che si adattasse alle norme culturali del Qatar, una nazione musulmana conservatrice”. 
I tifosi “assunti” – fino a 50 da ogni Paese – dovranno anche esibirsi in una cerimonia apposita prima che il Qatar apra il torneo contro l’Ecuador il 20 novembre. E ovviamente i rappresentanti del comitato organizzatore hanno cercato di sdrammatizzare i requisiti espliciti e impliciti nell’offerta: “Non c’è alcun obbligo di promuovere o fare nulla”, ha detto in un’intervista Ahsan Mansoor, il direttore del coinvolgimento dei tifosi per la Coppa del Mondo.
Secondo documenti e contratti esaminati dal New York Times i partecipanti sono avvertiti che, sebbene non venga loro chiesto di essere un “portavoce” per il Qatar, “ovviamente non sarebbe appropriato denigrare” il Paese o il torneo.
Una clausola del codice di condotta chiede loro di “segnalare eventuali commenti offensivi, degradanti o ingiuriosi” agli organizzatori fatti da altri. Ove possibile, dice il codice, dovrebbero fornire anche gli screenshot. 

Vedi Anche

Alves trasferito in un carcere dotato di stanze Vip

Arrestato venerdì 20 gennaio avrebbe raccontato diverse versioni dei fatti. Dani Alves è accusato di …