favela
favela

Il navigatore li porta in una favela, Crivellati di colpi 5 giovani italiani

Nell’auto presa a fucilate due giovani sono rimasti feriti, tre miracolosamente illesi 
RIO DE JANEIRO, 14 ottobre 2022  – Stavano rientrando a casa dopo una serata di festa quando un gruppetto di cinque studenti italiani ventenni, seguendo le indicazioni del  gps montato sulla loro auto a noleggio, sono entrati per errore in una favela dominata dai narcos e sono stati accolti da una una scarica di proiettili che ha ferito due dei ragazzi. Il gruppo è riuscito a fuggire per miracolo, raggiungendo un pronto soccorso.

La notizia la riporta un articolo dell’agenzia Ansa firmato da  Leonardo Cioni. I ragazzi feriti sono Riccardo, di 21 anni, e Nicolò Desiato, di 23, di Roma, sono stati ricoverati all’ospedale municipale Evando Freire, a Ilha do Governador. Nicolò è stato operato al braccio sinistro, ma entrambi «sono fuori pericolo», ha precisato il consolato d’Italia a Rio. Gli altri componenti del gruppo sono Edoardo Coli, di 21 anni, Matteo Dal Zoppo, di 23, e Sergio Battaglia, di 24. Tutti e cinque si trovano da alcuni mesi in Brasile per uno scambio culturale. Al momento dell’accaduto stavano rientrando a San Paolo, dopo una veloce visita turistica a Rio.

In base a una prima ricostruzione della polizia militare, i giovani avevano partecipato ad una festa a Marina da Glória, nella Zona Sud di Rio. Da lì sarebbero andati a cercare un fast-food e poi a fare il pieno di benzina su avenida Brasil, il grande raccordo cittadino con accesso a varie baraccopoli della Zona Nord. Nel tentativo di dirigersi verso San Paolo, i cinque sono finiti in un’area così violenta da essere stata ribattezzata “la fascia di Gaza carioca” per le continue sparatorie. La baraccopoli è controllata infatti dalla fazione criminale Terceiro Comando Puro, una gang fondata nel 2002 e specializzata in assalti a mano armata, traffico di droga e estorsione.

Probabilmente a sparare sono stati proprio gli «olheiros», le vedette della banda criminale, che non riconoscendo il mezzo e temendo si potesse trattare dell’incursione di rivali, ha aperto il fuoco contro il veicolo. Non è la prima volta che si verificano casi simili a Rio, sempre a causa di informazioni errate del Gps. A dicembre 2016 accadde a due cugini, anche loro italiani. Roberto Bardella, di 52 anni, e Rino Polato, 59, che stavano attraversando l’America Latina in motocicletta. Ai due però andò peggio: entrarono per errore nella favela di Morro dos Prazeres, a Santa Teresa. Roberto venne colpito alla testa e ad un braccio morendo sul colpo. Rino non venne ferito, ma rimase nelle mani dei malviventi per circa due ore.

Attiva le newsletter per rimanere sempre aggiornato.

Vedi Anche

Caso del falso testamento di Berlusconi: arrestato in Colombia Marco Di Nunzio

Le manette scattate per altri falsi commessi all’estero Colombia, 23 maggio 2024 – È stato …

×