HAITI: DA OGGI IL PAESE È SENZA PARLAMENTO E GOVERNO

AGENZIA ANSA – HAITI – 14 gennaio 2020 – Il presidente  Jovenel Moise ha sostenuto che il vuoto istituzionale prodotto dalla fine  della legislatura, senza che ne sia cominciata una nuova, «è una occasione storica» per una profonda trasformazione dello Stato. «Il 13 gennaio 2020 – ha detto Moise secondo il portale Haiti Libre – ha segnato la fine della 50/a legislatura. Costatiamo la chiusura del Parlamento e prendiamo atto di questo vuoto istituzionale occasionato dalla fine del mandato di tutti i deputati e di 2/3 dei senatori». Prima della fine della legislatura il Parlamento avrebbe dovuto approvare entro novembre scorso la legge per lo svolgimento di nuove elezioni, ma non lo ha fatto, per cui  Haiti non ha un organo legislativo in funzione, né la possibilità di formazione di un governo e neppure di approvazione di un bilancio statale per l’anno in corso. Nonostante la situazione di emergenza istituzionale, il capo dello Stato ha manifestato via Twitter l’auspicio che i protagonisti della vita politica haitiana si riuniscano «nella prospettiva di avviare riforme che debbono portare ad una trasformazione di questo Stato predatore in uno Stato servitore che possa mettere fine a questa crisi permanente che ipoteca l’avvenire del Paese». A complicare tutto c’è anche il fatto che da mesi l’opposizione haitiana agita la piazza, chiedendo le dimissioni del capo dello Stato, accusato di corruzione nell’ambito del programma PetroCaribe finanziato dal Venezuela con 3.800 milioni di dollari. (ANSA). 

Vedi Anche

Repsol-Perú

Allarme inquinamento in Perù

Durante il trasferimento a una raffineria della compagnia Repsol Lima, 20 gennaio 2022 – Cresce …