Guerra alle pandillas: arrestati dalla polizia 9 Latin King

Hanno dai 20 ai 36 anni: si tratta un argentino, un salvadoregno, tre peruviani e quattro ecuadoriani

Milano, 19 aprile 2023 –  La Polizia di Stato di Milano questa mattina ha eseguito un’ordinanza di applicazione della misura della custodia cautelare in carcere e degli arresti domiciliari nei confronti di 9 persone dai 20 ai 36 anni appartenenti alla fazione «Chicago» del «Latin King». Sono tutti ritenuti responsabili, in concorso tra loro, dei reati di associazione a delinquere, tentato omicidio, lesioni personali gravi e aggravate, rissa, danneggiamento, furto aggravato e getto pericoloso di cose.

Gli agenti della Squadra Mobile sono giunti a loro indagando sul tentato omicidio il 5 marzo 2022 in via Chiese a Milano di un altro sudamericano, in passato capo della pandilla rivale MS13. La vittima era stata colpita prima con un pugno, poi con delle bottiglie di vetro e infine, una volta a terra, a colpi di machete su una mano. Le indagini hanno accertato come l’episodio fosse da inquadrare nell’ambito dei conflitti tra le pandillas, che si erano affrontate ripetutamente e si affrontano tuttora per il controllo del territorio.

Nel corso delle indagini, con l’analisi delle immagini delle telecamere di sorveglianza e le intercettazioni, i poliziotti milanesi hanno verificato l’esistenza a Milano di un’articolazione locale dell’associazione per delinquere Latin King. È emerso come la banda abbia un’organizzazione gerarchica, disciplinata da un rigido regolamento interno e che con l’uso della violenza svolge un’attività di controllo del territorio in zone cittadine ben definite.

In questo contesto vanno inquadrate due violenti risse avvenute il 30 aprile 2022 in via Avezzana a Milano e il 30 giugno 2022, durante le quali gli indagati hanno aggredito e sono stati a loro volta aggrediti con pugni, calci e con l’uso di bottiglie di vetro da appartenenti ad altre gang rivali. Il gip, su richiesta dei pm del VII dipartimento della Procura, specializzato nella repressione di reati di criminalità organizzata comune, ha emesso un’ordinanza di custodia per tre in carcere e sei agli arresti domiciliari.

In carcere sono fiiti Kleber Miguel Cotrez Cortez, 36 anni, ecuadoriano, che era Cortez «l’Inca supremo della tribù» e Johnny Farfan Chavez, 27 anni, era invece a capo del «Capitolo» di Cologno Monzese.

Attiva le newsletter per rimanere sempre aggiornato.

Vedi Anche

carabinieri

Milano: anziana derubata della borsa in chiesa, arrestati tre cubani

Sono stati fermati dai Carabinieri per un controllo a Sesto San Giovanni: avevano prelevato parecchi …

×