Cuba, Bolivia e Messico nel Consiglio dei diritti umani dell’Onu

NEW YORK, 13 ottobre 2020- Cuba, Bolivia e Messico entrano nel Consiglio dei diritti umani dell’Onu assieme Russia e Cina. Il mandato, che dura tre anni, inizia il 1 gennaio 2021. Gli altri membri eletti nell’organo delle Nazioni Unite sono stati: Costa d’Avorio, Gabon, Malawi, Senegal, Nepal, Pakistan, Uzbekistan, Ucraina, Francia e Gran Bretagna. Resta fuori l’Arabia Saudita: «Il fallimento dell’Arabia Saudita nel conquistare un seggio nel Consiglio dei diritti umani è un gradito promemoria della necessità di una maggiore concorrenza nelle elezioni delle Nazioni Unite. – riporta l’Ansa – Se ci fossero stati altri candidati, anche Cina, Cuba e Russia avrebbero potuto perdere», ha commentato Louis Charbonneau, direttore di Human Rights Watch per l’Onu. L’elezione «di questi paesi immeritevoli non impedirà comunque al Consiglio di far luce sugli abusi e di parlare per le vittime – ha continuato – Anzi, essendo nel consiglio  saranno direttamente sotto i riflettori».

Vedi Anche

green pass lavoratori 15 ottobre

Dal 15 ottobre obbligo green pass per qualsiasi lavoratore

Dalla pubblica amministrazione alle aziende private, dai liberi professionisti alle partite iva, il nuovo decreto …

Questo sito web utilizza i cookie. Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi