Covid-19, dos futbolistas colombianos atrapados en Bolivia

Covid-19, due calciatori colombiani bloccati in Bolivia

L’avvento del Covid-19, non ha creato danni solo dal punto di vista economico e sanitario ma anche dal punto di vista degli spostamenti. Infatti, da quando i vari governi hanno deciso di chiudere gli spostamenti da e verso l’estero, molte persone hanno riscontrato difficoltà oggettive nel rientrare nel Paese di origine. Tra queste, ci sono due calciatori colombiani, i fratelli Cristian e Andrés Baldovino, che non hanno la possibilità di lasciare la Bolivia a causa della pandemia.

I Baldovino arrivarono in quel Paese lo scorso 2 marzo per firmare con il con il club Royal Obrero, società di seconda divisione della città di Tarija. I due però, proprio a causa della crisi sanitaria nata dal Covid-19, non poterono né firmare i rispettivi contratti né tantomeno far ritorno in patria.

A parlare di tale situazione al giornale colombiano “El Tiempo” è stato Cristian Baldovino, che ha detto: “Il presidente del club, Robert Portal, ci ha accolto a casa sua e anche il nostro agente, Jefferson Barrios, ci ha aiutato. Non appena si è scoperto il coronavirus, abbiamo cercato voli per la Colombia, ma era troppo tardi, perché gli aeroporti erano chiusi”.

Dopo due mesi però, il sostegno economico del Royal Obrero inizia a scarseggiare i per i fratelli Baldovino è giunto il momento di trovare una soluzione alternativa che gli possa consentire di ritornare quanto prima in Colombia. Venerdì scorso, i due fratelli, sono arrivati a Santa Cruz de la Sierra grazie ad un volo umanitario ordinato dal governo boliviano. Intanto, grazie ad un gruppo di colombiani hanno compilato dei moduli che consentirebbe loro di ottenere un volo per ritornare in patria quanto prima. Al momento, oltre ai Baldovinos, ci sono altri 130 colombiani che attendono la fumata bianca delle trattative tra i due governi che consente loro di ritornare in Colombia. l tempo però stringe, soprattutto per i due calciatori colombiani che, sempre secondo quanto dichiarato al giornale “El Tiempo”, senza adeguato sostegno economico, saranno costretti a dormire in aeroporto fin quando non otterranno l’autorizzazione per un volo che gli consentirebbe di lasciare la Bolivia.

Covid-19, dos futbolistas colombianos atrapados en Bolivia

La llegada de Covid-19 no solo ha causado daños desde un punto de vista económico y de salud, sino también desde el punto de vista de los viajes. De hecho, dado que los diversos gobiernos han decidido cerrar los viajes hacia y desde el extranjero, muchas personas han encontrado dificultades objetivas para regresar a su país de origen. Entre estos, hay dos futbolistas colombianos, los hermanos Cristian y Andrés Baldovino, que no pueden salir de Bolivia debido a la pandemia.

Los Baldovinos llegaron a ese país el 2 de marzo para firmar con el club Royal Obrero, una compañía de segunda división en la ciudad de Tarija. Sin embargo, los dos, precisamente debido a la crisis de salud que surgió de Covid-19, no pudieron firmar sus respectivos contratos o incluso regresar a su tierra natal.

Cristian Baldovino habló sobre esta situación al periódico colombiano “El Tiempo”, quien dijo: “El presidente del club, Robert Portal, nos recibió en su casa y nuestro agente, Jefferson Barrios, también nos ayudó. Tan pronto como se descubrió el coronavirus, buscamos vuelos a Colombia, pero ya era demasiado tarde porque los aeropuertos estaban cerrados “.

Sin embargo, después de dos meses, el apoyo financiero de Royal Obrero comienza a ser escaso para los hermanos Baldovino y ha llegado el momento de encontrar una solución alternativa que le permita regresar a Colombia lo antes posible. El viernes pasado, los dos hermanos llegaron a Santa Cruz de la Sierra gracias a un vuelo humanitario ordenado por el gobierno boliviano. Mientras tanto, gracias a un grupo de colombianos, han completado formularios que les permitirían tomar un vuelo para regresar a casa lo antes posible. Por el momento, además de los Baldovinos, hay otros 130 colombianos esperando el humo blanco de las negociaciones entre los dos gobiernos que les permite regresar a Colombia. Se está acabando el tiempo, especialmente para los dos futbolistas colombianos que, de nuevo según lo informado en el periódico “El Tiempo”, sin el apoyo financiero adecuado, se verán obligados a dormir en el aeropuerto hasta que obtengan la autorización para un vuelo que les permita regresar a Bolivia.

Vedi Anche

pesto di pistacchi, calamari, paccheri

Le ricette di Olga: paccheri rigati con gamberi, pesto di pistacchi e prezzemolo

Primo piatto facile da preparare dal sapore corposo e delicato al tempo stesso. Roccagloriosa, 25 …

Questo sito web utilizza i cookie. Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi