Basket: l’A/X Armani Exchange di Milano sconfigge di 40 punti Treviso davanti ad un pubblico d’eccezione.

Continua a vincere l’Olimpia Milano A/X Armani Excahnge: Supercoppa, Campionato, Eurolega, ancora Campionato.

Nell’esordio casalingo al Forum di Assago, che simbolicamente Giorgio Armani e il presidente dell’Olimpia, Pantaleo Dell’Orco hanno voluto dedicare “ai medici e agli operatori sanitari, ancora e sempre schierati in prima linea nella lotta al COVID-19 “,  unico pubblico ammesso al Palazzetto (tutti i biglietti disponibili per la partita erano stati distribuiti presso gli ospedali di Milano e dintorni per il personale medico), a fare le spese della furia agonistica milanese, è la De’ Longhi Treviso che torna a casa con una netta sconfitta di ben quaranta punti (104-64). “Il risultato in qualche modo è bugiardo, perché Treviso ha talento, è ben organizzata, finora aveva fatto sempre bene, aveva vinto all’esordio e giocato una buona Supercoppa, per cui li rispettavamo molto, sapevamo che avremmo dovuto giocare con il massimo dell’impegno per imporci ed è quello che abbiamo fatto” – ha dichiarato il coach di Milano, Ettore Messina – che ha aggiunto:“Ovviamente siamo contenti, abbiamo fatto una buona partita. Tutti hanno partecipato, tutti ci hanno aiutato, la panchina ha dato energia notevole, considerando che mancavano Punter e Micov e avevamo giocato venerdì una partita molto dura in Germania. Adesso ci prepariamo per una serie di impegni molto difficili a cominciare da quello di venerdì con l’Asvel Villeurbanne”

Milano parte subito in quarta e grazie anche all’ottimo avvio di Kaleb Tarczewski chiude il primo periodo 24-12 e 49-34 all’intervallo, nonostante un paio di palle perse. Prende poi il largo nel terzo quarto (77-46) con un’incredibile prestazione di Shavon Shields e chiude la partita104-64 con percentuali altissime (64% da due, 46% da tre, 19/22 dalla linea) e 13 triple.

Vedi Anche

Arrestati due 18enne per tentato furto in farmacia

I due hanno forzato la saracinesca della farmacia di via Arsia. Presi grazia ad un …