7 vaccini anti-Covid in 3 Continenti:

Una ricerca internazionale confronta le risposte anticorpali. Quattro le nazioni coinvolte nello studio: Argentina, Brasile, Italia e Messico

Rozzano, 29 novembre 2022 – I dati raccolti dal gruppo Techint in 3 continenti mostrano che tutti i vaccini generano anticorpi e sono ben tollerati, compresi Sputnik e Coronavac. Il confronto è stato possibile grazie a una metodica diagnostica parificata. Un’iniziativa unica nel suo genere per accompagnare le campagne vaccinali e verificare la sicurezza di dipendenti e collaboratori. Sono stati pubblicati su Frontiers in Immunology i risultati dello studio realizzato contemporaneamente in 4 nazioni, Argentina, Brasile, Italia e Messico, che ha coinvolto quasi 2000 persone dipendenti delle aziende del gruppo Techint con l’obiettivo di verificare l’effettiva immunizzazione e quindi la sicurezza a seguito delle vaccinazioni contro Covid-19, valutare l’efficacia dei vaccini approvati e stimare la durata dei livelli di anticorpi nel sangue. Particolarità dello studio è che è stato possibile confrontare i dati internazionali grazie a un protocollo clinico uniforme, con le stesse tempistiche di acquisizione dei campioni di sangue e un test diagnostico unico per tutti e 7 i tipi di vaccino impiegati nei vari paesi: a mRna, a dna, a vettore virale e vaccini a base di virus inattivati, in monodose e bi-dose.

Lo studio è stato coordinato da Humanitas con l’Hospital Clinica Nova di Monterrey in Messico, e la rete ospedaliera della fondazione Hospital San Francisco Xavier, in Brasile.

Il risultato è una fotografia capace di mettere a confronto differenti vaccini e la risposta che sono stati in grado di attivare con l’eventuale sviluppo di eventi avversi, prima dell’arrivo della variante Omicron di Sars-CoV-2 (la somministrazione della dose booster non rientra nel perimetro dello studio). “I dati emersi – spiega la prof.ssa Maria Rescigno, docente di Patologia generale e Pro Rettore vicario con delega alla ricerca di Humanitas University, che ha coordinato il lavoro cui ha partecipato anche la dott.ssa Elena Azzolini, responsabile del Centro Vaccinale di Humanitas – ci dicono che tutti i vaccini inducono una risposta anticorpale, compresi Sputnik e Coronavac. La fotografia riguarda SARS-CoV-2 fino all’arrivo della variante Delta. Poiché lo studio è ancora in corso, in futuro potremo anche valutare l’efficacia dei vari vaccini nel proteggere dalla malattia”.

Tra i dati raccolti anche quelli degli eventi avversi che sono stati correlati alla capacità dei vaccini di indurre una risposta anticorpale. È emerso che più è stata alta la risposta anticorpale, come avviene con i vaccini Moderna e Pfizer-BioNTech, più effetti collaterali sono stati registrati, perlopiù febbre, dolore al braccio, mal di testa e spossatezza. Coronavac e Sputnik sono invece caratterizzati dall’avere pochi effetti collaterali.

“Questo è davvero un grande lavoro di squadra – spiega Mauro Teixeira, professore di immunologia all’Universidade Federal de Minas Gerais, Brazil. -. Lo studio ci consente di confrontare le risposte immunitarie a vari vaccini in tutto il mondo. Questo tipo di conoscenza è fondamentale per informare le persone sull’efficacia comparativa dei vaccini e aiutare a progettare studi che definiranno i migliori programmi vaccinali che del futuro”.

“Si tratta di un lavoro di ricerca straordinario, dove abbiamo avuto l’opportunità di valutare e confrontare le risposte immunitarie dei vaccini più importanti e più diffusi a livello mondiale, ottenendo informazioni solide e coerenti sulla loro sicurezza ed efficacia contro SARS-CoV-2 – afferma il prof. Miguel Sanz, Medical management director – Nova Hospital and Medical Center, Messico -. Inoltre è il primo studio pubblicato in collaborazione dalle istituzioni sanitarie del gruppo Techint e siamo molto contenti dei risultati”.

Lo studio: un metodo parificato per ottenere dati confrontabili

Il protocollo dello studio, che è ancora in corso, prevede 5 prelievi di sangue per ogni persona secondo un calendario preciso: nel momento immediatamente antecedente la prima dose e la seconda dose, 21 giorni dopo la seconda dose, 6 mesi dopo la seconda dose, 12 mesi dopo la seconda dose. I ricercatori dei 4 paesi hanno usato la stessa tipologia di test, particolarmente sensibile e con un range di valutazione molto ampio, quindi in grado di “non appiattire” i dati relativi a soglie alte di anticorpi nel sangue, in modo da potere comparare anche risposte con diversa ampiezza.

LINK DOI: https://doi.org/10.3389/fimmu.2022.894277

Una collaborazione di lunga data

Il Gruppo Techint, gruppo industriale con oltre 75mila dipendenti nel mondo, e Humanitas, ospedale altamente specializzato, centro di ricerca e insegnamento di fama internazionale, hanno partecipato a un progetto di ricerca scientifica sull’efficacia dei vaccini COVID-19, contribuendo concretamente alla ricerca medica e supportando le comunità in cui il gruppo ha le proprie radici. Come parte del Gruppo Techint, Humanitas ha anche fornito informazioni mediche accurate sulla malattia e sui vaccini durante la pandemia di COVID-19 e ha condiviso la propria esperienza in campo medico, offrendo linee guida sulla prevenzione e sulle iniziative legate alla salute e al benessere dei dipendenti del Gruppo Techint.

Elenco dei autori del lavoro

Maria Elena Romero-Ibarguengoitia1,2*, Arnulfo González-Cantú1,2, Chiara Pozzi3, Riccardo Levi3,4, Maximiliano Mollura5, Riccardo Sarti3,4, Miguel Ángel Sanz-Sánchez1,2, Diego Rivera-Salinas1,2, Yodira Guadalupe Hernández- Ruíz1,2, Ana Gabriela Armendariz-Vázquez1,2, Gerardo Francisco Del Rio-Parra1,2, Irene Antonieta Barco-Flores1, Rosalinda González-Facio1, Elena Azzolini3,4, Riccardo Barbieri5, Alessandro Rodrigo de Azevedo Dias6, Milton Henriques Guimarães Júnior7, Alessandra Bastos-Borges7, Cecilia Acciardi8, Graciela Paez-Bo9, Mauro Martins Teixeira10 and Maria Rescigno3,4*

1 Research Department, Hospital Clínica Nova de Monterrey, San Nicolás de los Garza, Nuevo Leon, Mexico

2 Vicerrectoría de Ciencias de la Salud, Escuela de Medicina, Universidad de Monterrey, San Pedro Garza García, Mexico

3 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS) Humanitas Research Hospital, Milan, Italy

4 Department of Biomedical Sciences, Humanitas University, Milan, Italy

5 Department of Electronic, Information and Bioengineering, Politecnico di Milano, Milan, Italy

6 Health Department, Ternium Brazil, Rio de Janeiro, Brazil

7 Research Department, Fundação São Francisco Xavier, Ipatinga, Brazil

8 Health Secretary, Unidad Hospitalaria San José, Campana, Argentina

9 Laboratory Department, Hospital Interzonal General de Agudos San Felipe, San Nicolás de los Arroyos, Argentina

10 Biochemistry and Immunology Department, ICB, Universidade Federal de Minas Gerais, Belo Horizonte, Brazil

Vedi Anche

Fermato il presunto assassino di Yirel Natividad Pena Santana 

Si chiama Sandro Di Carlo ha 26 anni ed è figlio di un noto imprenditore …