GALAPAGOS: RISCHIO AMBIENTALE A CAUSA DI UNA CHIATTA PETROLIFERA AFFONDATA

Nell’imbarcazione oltre 2 mila litri diesel a rischio fuoriuscita

Le autorità ecuadoriane hanno intrapreso diverse azioni per affrontare il rischio ambientale a causa dell’affondamento di una chiatta mercantile sull’isola di San Cristbal, la più orientale dell’arcipelago delle Galapagos. Secondo quanto riferito dai media ecuadoriani, c’è infatti il rischio di fuoriuscita dei circa 2.200 di diesel che la nave aveva nei suoi serbatoi. «Implementiamo azioni immediate per ridurre il rischio ambientale a causa dell’affondamento della chiatta Orca a San Cristbal», ha comunicato via Twitter il ministro dell’Ambiente Raúl Ledesma dopo aver appreso dell’incidente. – Inoltre, il funzionario del governo ha ordinato alla direzione del Parco nazionale delle Galapagos, incaricata di monitorare e controllare la biodiversità dell’arcipelago, di adottare «le misure di emergenza necessarie per superare questo sfortunato fatto». Il personale del Parco e della Marina dell’Ecuador ha collocato «barriere di contenimento e teli assorbenti per ridurre il rischio» di contaminazione da un’eventuale fuoriuscita del carburante. Secondo le prime informazioni, l’incidente è avvenuto quando un container si è sganciato dalla gru che lo stava posizionando sull’imbarcazione ed è caduto violentemente sulla chiatta, provocandone l’affondamento. L’equipaggio della chiatta è riuscito a buttarsi in tempo in mare e solo una marinaio è rimasta ferito. L’arcipelago delle Galapagos sono state dichiarate nel 1978 Patrimonio Naturale dell’Umanità dall’Unesco e si trovano a circa mille chilometri a ovest delle coste dell’Ecuador.

Vedi Anche

Repsol-Perú

Allarme inquinamento in Perù

Durante il trasferimento a una raffineria della compagnia Repsol Lima, 20 gennaio 2022 – Cresce …